Natsuo Kirino • IN

natsuo-kirino-in

 La scrittrice Suzuki Tamaki rimane particolarmente impressionata dall’opera di un famoso scrittore degli anni Cinquanta, tale Midorikawa Mikio, intitolata L’innocenza. L’autore narra in prima persona, con scioccante realismo, la sua storia con l’amante X e il rapporto difficile con la moglie Chiyoko, fino alla morte del loro ultimo figlio. Tale ossessione per L’innocenza porta Tamaki alla decisione scrivere un romanzo basato sul tema della soppressione del rapporto d’amore: ovvero la “recisione di ogni legame con l’altro per volontà personale e annientare il suo cuore attraverso l’indifferenza, l’abbandono, la fuga”. Tamaki entra progressivamente in empatia con X, creando con lei un legame emotivo, nella condivisione del comune ruolo di amante. Lei stessa ha intessuto, infatti, una relazione clandestina con il suo editor Abe Seiji.

 La ricerca di X diventa il perno intorno al quale ruota la stesura del nuovo romanzo di Tamaki, intitolato L’indecenza. Per dotare il racconto di una voce reale è quindi essenziale confrontarsi con le donne che Midorikawa ha toccato in vita: un’ormai anziana Ishikawa Motoko, la scrittrice Miura Yumi (morta qualche anno prima), la stessa moglie Chiyoko, e la loro figlia Michiko.

La mia edizione
Neri Pozza, Bloom
Traduzione di Gianluca Coci
2018 (Iª ed. 2009), pp. 376
ISBN 9788854516021

Voto
★★☆☆☆


Indecenza. Invisibile. Innocente. Ineluttabilità. Incertezza.

 Lo stile riconoscibilissimo di Natsuo Kirino si caratterizza di una penna affilata e dall’eccezionale capacità di delineare la psicologia dei suoi personaggi. Mi sento sicura nel dire che il punto di vista femminile prevale in tutte le sue opere, e l’analisi di temi impossibili come la morte, la follia e l’amore geloso è portata vanti magistralmente senza cadere negli stereotipi dello struggimento e del già visto.

 È inoltre interessante notare il modo in cui Kirino ci rimbalza tra le diverse versioni della stessa realtà: ogni personaggio che ha avuto modo di entrare in contatto con Midorikawa fornisce la propria verità, lasciandoci via libera nel delineare a volte una persona senza scrupoli, egocentrica e spregevole, a volte un marito e un genitore premuroso e presente. Dico la “propria” verità nel senso che nemmeno queste varie testimonianze sono totalmente libere da bugie, dette per proteggere se stessi da un passato verso cui ancora si prova rancore. Chi è il vero innocente nell’opera di Midorikawa? Chiyoko, la moglie tradita? X, l’amante bistrattata? Oppure Midorikawa stesso, vittima dei suoi stessi istinti? Mi piace pensare che sia Yōhei, l’ultimogenito dell’autore, morto annegato per una disattenzione dei genitori in un momento in cui sembravano rappacificarsi.

 Ho conosciuto Natsuo Kirino grazie al romanzo Le quattro casalinghe di Tokyo (Iª ed. originale 1997). Ho proseguito quindi con altri suoi romanzi, come Grotesque (2003) e Morbide guance (1999), tutti molto avvincenti e soprattutto, devo dire, non scontati: una voce diversa nel panorama letterario giapponese contemporaneo in traduzione, in cui ancora dominano l’inconsistenza di Banana Yoshimoto e i sogni di Murakami Haruki.

 Ammetto, con IN mi è un po’ venuta a noia. Un tema non facile da sviluppare, certo, ma gli episodi si intrecciano e si accavallano sulla linea temporale del romanzo in un modo che disorienta. Mi sono rimasti impressi solo alcuni degli incontri di Tamaki con personaggi utili solo al fine ultimo del romanzo, ma nel complesso pressoché marginali. Lodevole cornice, fumoso contenuto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.